giovedì 19 maggio 2011

I biscotti del giovedì pomeriggio


Questo pomeriggio son venuti a trovarmi dei miei amici. Non avrei saputo davvero cosa offrire se non fosse stato per una pallina di pasta frolla che avevo fatto qualche giorno fa ma che non avevo ancora avuto il tempo di trasformare in qualcosa di "cotto".
Per fare il prima possibile ho fatto dei semplicissimi frollini, ecco la ricetta.

_FROLLINI LIMONE&VANIGLIA
Ingredienti:
250g di farina 00
100g zuccheri
150g burro
2 tuorli
1 pizzico di sale
scorza grattata di 1 limone non trattato
baccello di vaniglia

Si inizia mescolando in una ciotola abbastanza ampia tutti gli ingredienti "secchi": la farina, lo zucchero, il sale, la scorza del limone e la vaniglia (estrarre l'interno del baccello di vaniglia è semplice: basta inciderlo nel senso della lunghezza e poi grattar via la parte "granulosa" che si troverà all'interno).

Amalgamati bene questi ingredienti, dovremo formare la classica "fontana" e mettervi al centro il burro a pezzetti. A questo punto dobbiamo impastare finchè non otterremo tante bricioline regolari (come mollica di pane fresco).

Ottenute le "briciole" riformiamo la fontana e versiamo al centro i tuorli.
Impastiamo nuovamente,  ma NON A LUNGO, solo il tempo di amalgamare tutti gli ingredienti come si deve.

Facciamo riposare l'impasto in frigo per almeno un'ora (meglio una notte).

Togliamo la pasta dal frigo e formiamo uno o più "salami" che poi affetteremo: le "fette" saranno i nostri biscotti.
Inforniamo per circa 15-20 minuti in forno preriscaldato a 180° (se avete il forno con le diverse modalità di cottura andrà benissimo "ventilato").

I tempi di cottura variano in base a quanto spessi sono i vostri biscotti, ma in genere quando il bordino del biscotto diventa marroncino e la parte superiore è leggermente dorata i biscotti son pronti.

Ovviamente questa ricetta può variare in base ai vostri gusti, potete cambiare gli aromi (sono molto buoni con zenzero e cannella ad esempio), o potete utilizzare questa stessa frolla come base per una crostata o per realizzare dei biscotti "ripieni".

Quando passo il pomeriggio con i miei amici a volte dimentico le cose. Dimentico tutte le mie ansie, i miei crucci, mi piace cucinare per loro, dissetarli e saziarli.
Poi succede come quando ero piccola e finivano i pranzi di Natale: tutti andavano via e Natale era magicamente finito, stavo vivendo il Natale, e un attimo dopo il Natale era già diventata la festività più lontana da me. Da piccola, ogni volta che amici e parenti abbandonavano la mia tavola e la mia casa, a me veniva il mal di pancia. Mia madre pensava si trattasse di indigestione, durante queste festa si mangia troppo e male, dopo tutto. In realtà era un malessere più intimo, perdevo tutto e in un attimo, come se qualcuno avesse tirato uno sciacquone dentro al mio petto e tutto fosse scivolato via, in un gorgo.


2 commenti:

  1. non mi dire che pubblicherai quì le tue ricette buonissime! *______*

    RispondiElimina
  2. beh sì se capita che cucino qualcosa lo scrivo qui ^^

    RispondiElimina

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)