lunedì 4 luglio 2011

Quei mostri invisibili che ci portiamo dentro..

[Commento a Invisible monsters di Chuck Palahniuk]

I mostri invisibili potrebbero essere tutti quelli che vivono vite insolite e che molto spesso strisciano solo a margine delle esistenze dei "normali" lasciandovi poco o niente. Oppure i mostri invisibili potrebbero essere delle cose che ci portiamo dentro.
E se il titolo si riferisse davvero a questo, saremmo allora tutti mostri, tutti orribili creature, tutti "anormali" esseri che si trascinano dentro (e dietro) storie invisibili, passati inenarrabili, colpe e vergogne. Qualcosa mi fa propendere per la seconda opzione, perchè sebbene nel libro si parli di esistenze "eccentriche" mi sembra quasi che queste siano solo pretesti, delle ipercaratterizzazioni dei personaggi, che diventano quasi "simboli" di ciò che si portano dentro. 


Valutazione: 5/5

Nessun commento:

Posta un commento

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)