giovedì 19 aprile 2012

Lotta dura ai test sugli animali

LUSH e Human Society International danno il via ad una campagna di sensibilizzazione contro i test sugli animali, al fine di raccogliere il maggior numero di firme possibili e di presentare la petizione all'Unione Europea, che in questi giorni sta decidendo se prorogare di altri 10 anni la messa fuori legge di tutti i prodotti cosmetici testati sugli animali.

Questa legge è in realtà risalente agli anni '90 ma negli ultimi vent'anni le grandi case cosmetiche hanno fatto pressione affinchè l'applicazione della legge venisse rimandata più e più volte: oggi, ancora una volta, chiedono una proroga di 10 anni, così che almeno sino al 2023 le case di cosmetici potranno continuare indisturbate a fare test sugli animali.
Firmare la petizione significa far sentire anche la nostra voce.
So che molte delle persone che leggono questo blog sono appassionate di make-up e probabilmente molti di voi saranno già informati dei test sugli animali, avrete una vostra opinione e penso che una buona percentuale eserciti anche il proprio ruolo di consumatore critico scegliendo di non acquistare prodotti testati sugli animali.
Per tutti gli altri: testereste mai un prodotto sul vostro cane o sul vostro gatto? Applichereste mai sui vostri animali domestici una crema, una lozione che potrebbe fargli del male, che potrebbe avere effetti dannosi a breve e a lungo termine? Io credo di no. Quindi, ogni volta che comprate un rossetto, una crema, un mascara, chiedetevi se quel prodotto prima di essere lì, bello impacchettato e luccicante davanti i vostri occhi non sia stato testato per mesi su dei poveri animali indifesi.

Come facciamo a sapere quali sono le case cosmetiche che testano sugli animali?
Ci sono moltissimi siti che raccolgono informazioni sulle case che decidono di applicare un protocollo cruelty-free, potete trovare delle vere e proprie liste.
Da questo link potrete scaricare una lista stampabile oppure potete consultare il sito di ICEA (Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale).

In ogni caso, vi invito a firmare la petizione.
Potete trovare tutte le informazioni direttamente sul sito di LUSH, qui potete trovare il comunicato stampa dell'iniziativa e qui potete firmare la petizione.

Nessun commento:

Posta un commento

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)