sabato 26 novembre 2011

Tingersi i capelli è un po' come mascherarsi?

Foto di Wisely Chosen
Sin dalla più tenera età sono stata determinata a cambiare colore di capelli.
Le battaglie con mia madre - che cercava invano di preservare la salute della mia folta e riccioluta capigliatura- sono iniziate piuttosto presto, verso i dodici anni circa.

Il primo tentativo di cambiare quel castano-cenere-rossiccio in qualcosa di più credibile fu, se non ricordo male, in terza media: circolavano allora - non so se esistano ancora- delle schiume per capelli che oltre a fissare donavano anche un discreto riflesso. Ero decisa: li avrei fatti rossi.

Ovviamente la schiuma di rivelò un palliativo, con sollievo di mia madre e rabbia mia.
Il primo colore "vero" è stato uno di quegli shampoo alle erbe coloranti: un po' meglio della schiuma, ma niente di che come risultato.
Nel frattempo la mia sconvolgente passione per i rossi accesi si era placata per rivolgersi verso un più pacato nero: a quindici anni avevo i capelli neri e vestivo come il prodotto dell'unione di un pagliaccio ed un barbone.
La fase decisiva nella colorazione dei miei capelli avvenne solo qualche anno più tardi: avevo diciassette anni ed una bellissima chioma fuxia. Andavo in giro orgogliosa di potermi distinguere dalla massa informe dei castani.

Col tempo, poi, la mia vena artistico-capellosa si placò: iniziata l'università non avevo più tempo per star dietro ai miei capelli, così ho optato per un ritorno al sobrio, ovvero castano scuro.
Circa un anno fa, poi, grazie a Morgana Zucchero Nero ho scoperto le gioie della tintura fluo.
To be honest, la mia giovanile passione per le chiome accese si è notevolmente affievolita, quantomeno non trovo più che sia un look che mi si addica. Al contrario sono diventata sfegatata sostenitrice dei contrasti forti: attualmente i miei capelli sono scuri con un leggerissimo riflesso sul viola, ma la ciliegina sulla torta sta proprio qui davanti: sulla fronte, accanto agli occhi, fa capolino fra i capelli più scuri un dolcissimo ciuffo rosa-fuxia che adoro e spero di non abbandonare mai.

Il titolo che ho dato al post dice tutto sulla mia opinione in merito al colorarsi i capelli: è più pratico di andare in giro per il mondo gridando "io non sono come mi vedi", è meno estremo di un intervento di chirurgia estetica, è più immediato del "lasciare che ci conoscano meglio". Forse mi sto solo nascondendo qui dietro, o forse, al contrario, sto tentando di mettere in evidenza qualcosa.
E' come se ci fosse un'enorme, lampeggiante frecciona colorata, proprio qui sulla mia testa.
________________________________________


- La foto che vedete all'inizio del post è di Wisely Chosen, ovvero Melanie Dawn Harter. Lei è una fotografa alla quale piace sperimentare molto con i propri capelli. Vi invito a visitare il suo profilo Flickr.


- Su Facebook la mia suddetta amica ha aperto un gruppo per far socializzare noi amanti dei capelli fluo: passate a trovarci -> Fluo

Nessun commento:

Posta un commento

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)