sabato 31 dicembre 2011

Festa di San Silvestro

La lunga notte di San Silvestro è generalmente una festa odiata e amata, allo stesso tempo.
L'ultimo giorno dell'anno ci ricorda, dei 364 appena passati, quali sono stati i giorni brutti, quali quelli belli, ci fa ripensare a noi stessi, ai traguardi che abbiamo raggiunto e alle gare che abbiamo abbandonato.
E' bello, per ognuno di noi, riunirsi con i familiari o con gli amici e festeggiare una buona fine e un buon inizio.
Ogni anno, poi, si fanno dei propositi. Io li faccio sempre, non so voi. I miei poveri propositi cadono nel dimenticatoio già a metà febbraio, di solito.
Per parlare di qualcosa di un tantino più pragmatico vorrei accennare al look di San Silvestro.
Il mio modestissimo consiglio a tutte le donne che sono inciampate su questo post è di puntare sul nero: il nero snellisce, è molto sexy e molto raffinato allo stesso tempo, il nero è un ottima base per poi sbizzarrirsi con gli accessori e col trucco e in ultimo, ma non meno importante, quale altro colore fa così tanto Capodanno se non il nero? E cosa dire del nero abbinato al meraviglioso luccichio dei glitter?
Personalmente non sono un'amante degli sbrilluccichii, però penso che per l'ultimo giorno dell'anno si debba osare.
Un semplice abito nero, accessori di un colore a contrasto - rosso, blu elettrico, giallo, argento, oro - un bel make up curato nei minimi particolari e abbinato agli accessori e i capelli portati un po' in su potrebbero essere la giusta risposta ai nostri interrogativi capodanneschi.

Personalmente penso che indosserò degli abiti total black: maglia, gonna e cardigan di lana tassativamente neri. Oserò poi con le calze, che saranno assolutamente a contrasto, e tocco finale, i miei bellissimi stivali Demonia.
Per il trucco penso mi ispirerò ad un tutorial di Clio Make Up di qualche anno fa, ovviamente adattando i colori al mio outfit.
I capelli li ho tagliati da poco, corti corti, quindi penso che li lascerò naturali, ricci e cespugliosi!
Alle unghia ho già pensato stasera perchè domani dovrò cucinare e non avrò tempo da passare dietro agli smalti: ho fatto una base nera e poi sopra ho messo uno smalto trasparente glitterato.

Ovviamente ognuno può dare la propria interpretazione al look di Capodanno e anche se il nero è la morte sua non è detto che altri colori anche ben più accesi non possano fare ugualmente la loro porca figura!

Qualcuno potrebbe pensare che questo è un modo piuttosto frivolo di lasciare il vecchio anno, parlando solo di stupidi make up, di abiti o di abbinamenti. Lo avrei pensato anch'io, solo qualche mese fa.
Però adesso no. Adesso so che i buoni propositi, le riflessioni profonde non servono a nulla. Posso scrivere pagine e pagine analizzando la mia vita da qualche anno a questa parte e posso benissimo ripromettermi di fare di meglio. Ma so già non sarà così. E non sarà così perchè spesso le nostre azioni non dipendono solo dalla buona volontà o dal senso del dovere, dipendono da tantissimi meccanismi più profondi e difficili da delineare, meccanismi che possono portare una studentessa modello del liceo a diventare una demotivata fuori corso all'università, che possono portare la più normale delle ragazze a prendere decisioni difficili, improbabili, che faranno cambiare completamente il corso della sua esistenza.

Quindi non mi servono analisi, nè riflessioni, nè stupide promesse a me stessa in questo momento. Niente propositi amici miei, ho solo bisogno di un filo di mascara e di un bel rossetto, di vedere i volti dei miei amici, di cucinare per loro, di fare cin cin e di pensare che il nuovo anno non sarà nulla di davvero nuovo o sconvolgente, saranno soltanto altri 365 giorni filati, uno dietro l'altro.
Buon anno a tutti voi.

Nessun commento:

Posta un commento

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)