giovedì 24 maggio 2012

La Finocchiaro va all'IKEA e Chi è decisamente a corto di scoop..

Una segnalazione così stupida non poteva non provenire da un giornale del genere: Chi è il tipico giornale apertamente di destra (ops, mi correggo, non "di destra" ma "berlusconiano") che cerca il pelo nell'uovo per dimostrare che non solo Berlusconi è una merda, anche tutti gli altri. Come se dimostrare che sono tutti delle merde forse in qualche modo rincuorante, bah.
Ma andiamo a questa notizia del tutto priva di logica: Chi si indigna perchè la Finocchiaro è all'IKEA con la sua scorta.
Si potevano anche indignare perchè porta le scarpe o perchè il cielo quel giorno era particolarmente soleggiato, avrebbe avuto esattamente la stessa illogicità.
Vivere sotto scorta non è un privilegio, questo deve essere chiaro.

Chi vive sotto scorta non ha "l'autista", ha due o tre persone che vivono costantemente al suo fianco, che gli piacciano o no e che devono seguirlo ovunque. Non è affatto una bella vita.
Qui non stiamo commentando l'immagine di una senatrice che sta andando ad un party di gala con l'auto blu. Qui stiamo parlando di una persona che cerca di condurre una vita normale pur essendo sotto scorta.
Cosa dovrebbe fare per non ricevere le critiche dei cervelloni di Chi? Chiudersi in casa, non uscire a fare la spesa, recarsi solo da a casa a lavoro e dal lavoro a casa solo perchè è sotto scorta? Mhm, bell'idea.

E' raccapricciante pensare che certa gente venga anche pagata per scrivere certe cagate e a volte persino chiamata "giornalista"...

1 commento:

  1. beh ma siamo in italia qui basta che una soubrette faccia vedere un pezzo di capezzolo e lo mettono in prima pagina :( è triste ma è sempre stato cosi... http://elinelpaesedellemeraviglie.blogspot.it/

    RispondiElimina

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)