venerdì 19 ottobre 2012

Bilanci

In giorni come questo è inevitabile fare dei bilanci.
Oggi non è una buona giornata per me, quindi mi aggrappo alle valutazioni, ai compromessi, alle compensazioni.
E' un periodo stancante, pieno di pensieri, di discussioni, Palermo è sempre più odiosa, per pochi momenti belli che dona prende in cambio stanchezza, delusione, sopraffazione.
Ecco, mi sento sopraffatta e allora mi metto a pensare che tutto ciò che vivo e devo gestire è niente, che in fin dei conti vivo bene, ho da mangiare e da bere, ho un tetto sopra la testa e tutti i comfort che si possano desiderare. Ho due gattine stupende, un ragazzo meraviglioso e in fin dei conti le cose brutte, quelle veramente brutte, sono altre.
Però mi sento ugualmente stanca.

Non vorrei che le cose andassero bene, perchè so perfettamente che le cose non vanno mai completamente bene per nessuno. Vorrei soltanto un po' di tregua, giusto il tempo di riposarmi per poi ricominciare a gestire tutto.

In giorni come questo ho voglia soltanto di sdraiarmi a terra e arrendermi.

2 commenti:

  1. Come ti capisco! Purtroppo giornate come queste sono la morte dell'anima (come le chiamo io) però quando mi capitano cerco solo di fare le cose che mi piacciono davvero e anche se di poco, la giornata migliora;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero bruttissimo sentirsi così, però, in fin dei conti, sono sempre grata di avere qualcuno accanto pronto a sostenermi sempre. Alla fine nella vita ci sono cose importanti e cose non importanti e alle volte ci si illude che quelle non importanti ci siano invece necessarie. Quando mi rendo conto di star ingigantendo cose in realtà non importanti mi impongo di tornare alla realtà e di valorizzare le cose belle che ho :)

      Elimina

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)