martedì 5 aprile 2016

Quel pasticciaccio brutto della Signora della Mezzanotte

shadowhunters la signora della mezzanotte mondadori

Buongiorno a tutti miei cari,
apprendo dalle mie letture bloggherecce che Mondadori ha fatto un po' un casino con l'edizione italiana de La Signora della Mezzanotte - appartenente alla serie Shadowhunters - e, sebbene il suddetto libro non credo entrerà mai a far parte delle mie letture - non me ne vogliate - ho trovato così tanto peculiare l'accaduto da volerci spendere su due paroline.

Dopo polemiche e proteste intentate dalle appassionate della serie che hanno da subito notato delle discrepanze fra l'edizione italiana e quella americana (inglese? boh..) Mondadori ha rilasciato un comunicato di scuse che ha, a mio avviso, dell'incredibile.

Vediamo un po' cosa scrive:


Comunicato di Mondadori su 

La Signora della Mezzanotte (Shadowhunters):


Care lettrici e lettori, ci dispiace per le discordanze che avete trovato tra le versione inglese e quella italiana di Signora della MezzanotteSapendo quanto attendevate questo libro abbiamo deciso di uscire quasi in contemporanea con gli Stati Uniti. Per renderlo possibile abbiamo dovuto fare uno sforzo notevole lavorando il testo con tempistiche molto strette. Purtroppo abbiamo ricevuto le ultimissime modifiche fatte in corse dalla stessa Cassandra quando ormai il libro era in stampa. Inserirle avrebbe comportato un notevole ritardo nell’uscita. Non volendo deludere la vostra attesa abbiamo deciso quindi di proseguire con la stampa e inserire le piccole modifiche dell’autrice nella prima ristampa utile e nell’ebook.


Tutto questo mi pare assurdo perché ancora una volta la qualità dell'opera è subordinata alla vendita.
Le lettrici erano impazienti di avere fra le mani la loro copia de La Signora della Mezzanotte, ciò significava per Mondadori notevolissimi introiti e allora che si fotta la qualità, pensiamo al vil denaro!

shadowhunters la signora della mezzanotte mondadori bookpride milano

E' questa l'editoria oggi?

Sarebbe stata un'onta così grave, per Mondadori, fare un comunicato e dire scusate signori, ci hanno mandato delle modifiche dell'ultimo minuto quindi il libro uscirà fra 15 giorni.
Sarebbe stato peggio quello di questo? Davvero?

Io non credo.
Apprezzo molto di più una casa editrice capace di ammettere errori e ritardi piuttosto che fare sconti sulla qualità.
Capisco anche che Shadowhunters non è Shakespeare e che Mondadori avrà pensato beh, male che vada avremo contro un'orda di ragazzine inferocite mica un'orda di critici, però se è davvero stato questo il pensiero di Mondadori vorrei davvero che Mondadori portasse un po' più rispetto per quell'orda di ragazzine che gli paga gli stipendi con i suoi acquisti.

Lo scorso weekend sono stata al Book Pride, fiera dell'editoria indipendente, e ho parlato con editori competenti, che conoscevano le opere che portavano lì in fiera, che sapevano parlare dell'opera, dell'autore, del contesto, dei pregi e dei difetti. Ma soprattutto ho parlato con persone orgogliose del loro lavoro e della qualità che riescono ad offrire ai lettori.

E' questa la vera editoria, a mio avviso.
Quell'altra è solo cialtroneria.

Ditemi cosa ne pensate, aspetto i vostri commenti :)

Nessun commento:

Posta un commento

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)