mercoledì 23 dicembre 2015

#Recensione: Il Dottor Faust - C. Marlowe



Emh, eccoci qua.
Sì lo so, non è serio né professionale iniziare a parlare di Marlowe con un emh ma il senso di inadeguatezza mi pervade.
Ok, allora, cominciamo dal principio.
Christopher Marlowe è un drammaturgo inglese della fine del XVI secolo, contemporaneo di Shakespeare.
In questo libro Marlowe ci parla di un uomo che non vuole accettare i propri limiti ma una volta superati quei limiti, si accontenta di poco, non aspira più alla grandezza.
E' molto facile lasciarsi prendere un po' la mano e vedere nel Faust quello che non c'è.
Abbiamo noi contemporanei il diritto di cavar fuori da un dramma del 1590 sensi che appartengono esclusivamente alla nostra epoca?

IL DOTTOR FAUST (1590 ca)

Ed. Oscar Mondadori
Prezzo € 8
45 su Goodreads

TRAMA

Faust è un uomo avido di conoscenza.
Nella sua vita ha studiato tutto, è arrivato a conoscere tutto ma non gli basta, vuole andare oltre.
Così stringe un patto con diavolo: Lucifero gli darà conoscenze e poteri illimitati ma solo per 24 anni. Allo scadere di quella data l'anima di Faust apparterrà a Lucifero, verrà dannata e lui morirà.
Faust è combattuto, certo, ma alla fine accetta.
Nonostante i grandi poteri cui ha accesso, di fatto, Faust non fa grandi cose: spettacolini quasi di "magia" per intrattenere i propri ospiti e poco altro.
Faust sa che tutto questo non è magnifico e sa che lo sta pagando con la propria anima, ciò nonostante, quasi innescando un meccanismo di negazione, continua a far apparire personaggi storici dall'oltretomba nutrendosi degli applausi di chi non vede aldilà del proprio naso e vendendo agli occhi del pubblico e di se stesso quell'esercizio di doti magiche del tutto fine a se stesso come qualcosa di straordinario.
Nonostante il suo grande sacrificio, Faust compierà solo imprese da poco.
christopher marlowe dottor faust recensione
I peccati di cui Faust si macchia sono essenzialmente due: l'avidità e la superbia.
Dell'avidità abbiamo già parlato, della superbia vi dico adesso: nel momento in cui stringe il suo patto col Diavolo Faust inizia a comportarsi come se non avesse limiti. O meglio, come se non avesse limiti umani e dimenticando o forse solo mettendo da parte, per paura, che il più grande dei limiti umani, la morte, lo aspetta dietro l'angolo.

Faust ha la malinconia un po' farsesca di certe persone che ho conosciuto in questi ultimi tempi: aspiro alla grandezza, pago un caro prezzo per arrivarci ma quando capisco che anche la mediocrità viene applaudita allora mi fermo, perché faticare? Ho solo dato la mia anima in cambio, del resto..
Mi dispiace pensarlo in questi termini ma in fin dei conti, Faust è proprio questo, è un mediocre. E lo è ancor di più alla luce del fatto che lui è ben consapevole di cosa sia la grandezza.
E' Faust, forse, il primo eroe perdente?
Mentre Shakespeare scriveva di grandi eroi tragici o trionfanti, Marlowe pensava al suo piccolo, insignificante, oserei dire fantozziano Faust?
Se la guardo in questa prospettiva Marlowe mi appare tanto più contemporaneo di Shakespeare.

Non vorrei osare troppo: secondo voi ci parla davvero di questo Marlowe?Ci parla dei limiti dell'uomo moderno, sospeso fra la consapevolezza di dover aspirare alla grandezza e la sua realtà circostante nella quale scende continuamente a compromessi e vende pezzo per pezzo la sua grandezza per qualche facile applauso?

3 commenti:

  1. Mia cara, non ho tempo di leggere tutto il post né di guardare il video, volevo solo dirti: per me sarebbe bello se citassi il nome del traduttore nei tuoi post. Tanto più che parli spesso di classici, di cui esistono in commercio varie traduzioni.

    Comunque, su tuo consiglio, ho letto "I turbamenti del giovane Torless" (in una vecchia edizione Einaudi della biblioteca) e l'ho abbastanza gradito.

    RispondiElimina

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)