martedì 7 febbraio 2017

Il Natale di Poirot - Agatha Christie #booktalk

Il Natale di Poirot - Agatha Christie recensione
natale poirot agatha christie recensione

Buongiorno a tutti,
oggi vi parlo di un giallo, letto grazie alla collaborazione con Thrillernord: Il Natale di Poirot di Agatha Christie.


A pochi giorni dal Natale, il vecchio Simeon Lee chiama a raccolta tutti i suoi figli per trascorrere insieme il Natale nella casa di famiglia. Ci si aspetterebbe la bella atmosfera natalizia che si crea nelle case dei nonni a ridosso delle feste natalizie ma la famiglia Lee non è affatto come ci si aspetta: il signor Lee non è stato né un buon padre né un buon marito e ognuno dei figli ha sviluppato un rapporto difficile e particolare con lui.





IL NATALE DI POIROT (1940)
Agatha Christie
ed. Oscar Mondadori

224 pag.
6,75 € - 6,99€ ebook
3/5 su Goodreads


Una famiglia riunita


Afred, che insieme alla moglie Lydia vive sotto lo stesso tetto del vecchio Lee, ha sviluppato una sorta di adorazione per il padre e acconsente ad ogni sua richiesta, anche la più insolente.
David, sposato con Hilda, era molto attaccato alla defunta madre e non ha mai perdonato al padre il modo in cui la trattava.
C’è poi George, diventato parlamentare e sposato con la giovane e bellissima Maude; è un uomo avido e insensibile, che nonostante la sua posizione continua a chiedere soldi al padre per soddisfare tutte le richieste e i vezzi della giovane moglie.

Tutti i figli del vecchio Lee sono stupiti dall’insolita volontà del vecchio di riunire tutti per Natale e lo sono ancora di più quando scoprono che Simeon Lee di nascosto da tutti, ha rintracciato Harry, un quarto figlio andato via di casa molti anni prima e Pilar, sua nipote, figlia di Jennifer, unica figlia, morta solo un anno prima.

Questa ed altre foto potete trovarle sul mio profilo Instagram

Intreccio alla Christie, soluzione alla Poirot


Una volta che tutti i personaggi sono entrati scena e sono stati presentati dall’autrice, Agatha Christie inizia a tratteggiare l’atmosfera che è tutt’altro che serena e festosa: tutti i trascorsi che ognuno dei personaggi ha con Simeon Lee portano a galla sentimenti contrastanti e non sempre gradevoli nonché molti interrogativi sul perché siano tutti riuniti sotto lo stesso tetto e perché il vecchio Lee abbia voluto lì anche Harry e Pilar.
Ai dubbi che la situazione in sé suscita se ne aggiunge uno, più grande, che è lo stesso Simeon Lee a creare: una volta che tutti i figli sono arrivati in casa decide di riunirli e proprio mentre la piccola folla sopraggiunge nel suo studio si fa trovare al telefono con il suo avvocato mentre parla di un cambiamento che vuol fare al testamento.

Cosa vorrà fare il vecchio Lee? Non vorrà forse cambiare le sue volontà e lasciare parte del suo patrimonio ad Harry, che aveva completamente abbandonato la famiglia e alla giovane Pilar?

La penna di Agatha Christie è inconfondibile e meravigliosa: il ritmo della storia è incalzante, la struttura della trama, nonostante sia tipicamente “alla Christie” è affatto stantia.
Ci ritroviamo davanti ad uno schema spesso usato dalla scrittrice ma che, grazie alla sua abilità narrativa, acquisisce ogni volta nuove caratteristiche: un gruppo di persone si trova riunita in un unico luogo e ognuna di quelle persona ha una ragione (e l’opportunità) di uccidere.
Agatha Christie con pochi e conosciuti elementi riesce a metter su un vero mistero e per risolverlo chiama in suo aiuto lo straordinario Hercule Poirot.
Il piccolo investigatore belga anche questa volta non si lascia convincere da apparenze e convenzioni e riesce, col solo ausilio della deduzione, a scavare dentro le storie passate della famiglia Lee e a scoprire chi è l’assassino.

Per non rovinare proprio nulla di questo splendido giallo ho volutamente omesso qualsiasi informazione anche sul delitto perché la maestria di Agatha Christie sta, a mio avviso, non solo nella costruzione del mistero ma anche nella semplice descrizione del delitto.
Come sempre nei suoi gialli, l’apparenza è sempre ribaltata e la realtà è portata a galla in tutta la sua amarezza e crudeltà.

___________


DISCLAIM:
Questo libro mi è stato inviato gratuitamente da Thrillernord.it.

All'interno del titolo del libro (quello che trovate sotto la copertina del libro) ho inserito un link che vi porta direttamente su Amazon. Poiché sono un'affiliata se deciderete di acquistare un libro attraverso uno dei miei link contribuirete al sostentamento di AmaranthineMess - bookblog. Vi ringrazio sin da ora se vorrete farlo :)

Nessun commento:

Posta un commento

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)