giovedì 9 marzo 2017

Rosso Istanbul - Ferzan Ozpetek, libro o film?

Rosso Istanbul libro
rosso istanbul libro ozpetek

Esce in questi giorni nella sale Rosso Istanbul, ultimo film di Ferzan Ozpetek.

Il film è tratto da un libro pubblicato qualche anno fa dallo stesso Ozpetek, libro che io lessi ormai quasi due anni fa e che mi diede sensazioni contrastanti.

A distanza di due anni da quella lettura e anche alla luce del film appena uscito penso di poter rivalutare almeno parzialmente quanto scrissi allora (la vecchia recensione potete trovarla qui -> Rosso Istanbul su AmaranthineMess - bookblog)

Qui potete trovare la mia video-recensione:

Rosso Istanbul è un libro che parla di appartenenza. E' un'appartenenza amara, è il viaggio di ritorno di chi vorrebbe ma non può mai tornare del tutto. Alla luce dei più recenti eventi politici avvenuti in Turchia questa storia acquisisce un senso ancora più profondo: adesso sembra quasi che il romanzo parli di chi non può più tornare a casa, di chi sente ancora un legame ma non vede più attorno a sé la città che porta nei ricordi.



rosso istanbul libro ozpetek

ROSSO ISTANBUL (2013)
Ferzan Ozpetek
ed. Mondadori

111 pag. - 9,35€ - 6,99€ (ebook) 
3/5 su Goodreads


Cosa non mi è piaciuto di Rosso Istanbul libro


Nella recensione di quasi due anni fa ho scritto che il libro non mi era piaciuto particolarmente ed è vero, lo confermo.

Rosso Istanbul è un libro composto da due storie che si intrecciano e il cui unico punto comune è che si svolgono entrambe a Istanbul, entrambe negli stessi giorni.
La prima storia parla di una donna italiana che si trova in vacanza a Istanbul e che decide di mandare all'aria la sua vita super razionale e super impegnata per vivere lì.
Il concetto è davvero molto bello e porta con sé dei messaggi importanti, ma a mio avviso la debolezza di questo tipo di storia è duplice: innanzi tutto Ozpetek ci ha già raccontato questa storia, in tutti i suoi film, in tutte le sue scene c'è gente che cambia vita, che butta tutto alle ortiche e ricomincia da capo. E poi: tutto molto bello ma chi lo fa davvero? Siamo davvero capaci di resettare la nostra vita così, di punto in bianco e di cambiare tutto? Sono scettica, devo ammetterlo.

Forse però, lo scopo di Ozpetek è proprio questo: metterci davanti rivoluzioni così grandi da spingerci ad ambire anche noi alla nostra piccola rivoluzione silenziosa.

rosso istanbul libro


Cosa mi piace molto di Rosso Istanbul libro


E qui arriviamo alla parte che rivaluto alla luce di quanto successo nell'ultimo anno in Turchia.
La seconda storia che ci viene raccontata in Rosso Istanbul è quella di Ozpetek stesso, che torna a Istanbul. Arriva nella sua città, va a trovare la madre, vede che tutto è cambiato e che nulla o quasi è più come lo ricorda.

In questa parte del libro si crea un divario fra ciò che è e ciò che era e i ricordi di Ozpetek o della madre diventano la voce narrante.

Come in quasi tutte le storie di Ozpetek c'è un simbolo, un luogo o un avvenimento che è messo lì apposta per dirci altro: questa volta si tratta di un cinema, un vecchio cinema di quartiere che sta per essere demolito e che diventa all'istante simbolo di tutto quello che Ozpetek prova a raccontarci in questo libro.

Gli ultimi avvenimenti occorsi in Turchia e la svolta autoritaria presa dal governo di Erdogan conferiscono a questo ritorno a Istanbul un valore ancora più simbolico e sentimentale: credo che Rosso Istanbul sia un film davvero importante per Ozpetek. Sembra quasi che abbia voluto utilizzare proprio quella storia in cui aveva già scritto del suo rapporto con Istanbul e col passato per sottolineare la situazione politica attuale.

Ozpetek ci sta forse dicendo che è vero, Istanbul per lui era già distante ma oggi è praticamente irraggiungibile?
La scelta di Ozpetek di girare con un cast quasi totalmente turco dopo molti anni di film italiani, mi sembra significativa.

La storia raccontata in Rosso Istanbul - nel libro o nel film - è una bellissima dichiarazione d'amore ma è una dichiarazione d'amore amara, fra due amanti che sono stati felici un tempo, e adesso sono lontanissimi.

___________


DISCLAIM:
All'interno del titolo del libro (quello che trovate sotto la copertina del libro) ho inserito un link che vi porta direttamente su Amazon. Poiché sono un'affiliata se deciderete di acquistare un libro attraverso uno dei miei link contribuirete al sostentamento di AmaranthineMess - bookblog. Vi ringrazio sin da ora se vorrete farlo :)

Nessun commento:

Posta un commento

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)