giovedì 8 settembre 2011

Yes, darlin', every man is an island..

Quest'immagine proviene da Tutta la mia città
Mi trovo a mollo, in uno stagno.
L'acqua, intono a me, non si muove, non s'increspa. Soltanto sta ferma, imputridisce o evapora.
Un tempo ho vissuto immersa nel mare.
Checchè ne dicesse John Donne in una sua celeberrima poesia io ero un'isola, ma ero un'isola che viveva in mezzo al mare. Scossa da correnti, accarezzata dalla schiuma bianca, risplendente nei suoi miliardi di granelli di sabbia. Ero sola, d'accordo, e questo non lo rimpiango affatto, ma avevo la vita attorno, avevo la vita.
Adesso sono circondata da allegri ranocchi e da zanzare e da insetti saltellanti, da piccoli esserini che nuotano fra le acque grigiastre. Posso anche  incontrare qualche essere umano quando vengono in gita sulle rive di questo stagno, però non ho la vita, non ce l'ho più.
E' proprio vero che le cose non si apprezzano davvero finché non ci sono più.
Io vorrei indietro la vita. Vorrei indietro le sfide e il senso del tempo che passa. Vorrei indietro tutti quei sentimenti dannosi, gli sguardi, le parole che non significavano niente, ma c'erano. 

Nessun commento:

Posta un commento

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)