mercoledì 23 novembre 2011

Un giorno per dire grazie

Domani negli Stati Uniti si festeggia il Thanksgiving day.
Il giorno del Ringraziamento è una festa molto importante per gli americani, che la festeggiano ogni hanno con sontuosi menu a base di tacchino, zucca e granturco.
Il giorno del Ringraziamento ha radici antiche: nel 1621 i padri pellegrini sbarcarono sulle coste americane, e trovarono un territorio del tutto nuovo per loro e quasi totalmente selvaggio, abitato dagli indigeni.

Già durante il lungo viaggio iniziato sulle coste britanniche, i padri pellegrini avevano perso moltissimi dei loro compagni e quando il raccolto delle sementi che avevano portato con sé dalla madre patria si rivelò praticamente nullo, vennero decimati ulteriormente.
I padri pellegrini vennero infine salvati dagli indigeni, che indicarono loro quali ortaggi coltivare - zucche, granturco - e quali animali allevare - tacchini.

Il giorno del Ringraziamento nasce dunque per rendere grazie a Dio del buon raccolto avuto dopo questi episodi.
Non per essere prosaica, ma perchè rendere grazie a Dio, quando l'aiuto gli è venuto dagli indigeni?
C'è da dire che almeno i padri pellegrini invitarono gli indigeni a condividere con loro il pranzo del Ringraziamento e la cosa mi fa sorridere, tutta la vicenda mi fa sorridere, perchè penso a quello che è successo dopo, a come si sono messe le cose, e ad un curioso concetto chiamato "riserve per i pellerossa".
Sì, sì, lo so, la polemica anti-imperialista stona con tutte queste belle zucche rigogliose che vi sto propinando, vi aspettavate un articolo sulle gioie della cucina americana ed io vi sto - as usual - avvelenando con recriminazioni e critiche.
Posso esagerare? Sapete quanti poveri tacchini vengono uccisi per lasciare che gli americani rendano grazie a Dio?

In generale, come ne avrete arguito, la festa del Ringraziamento non mi va tanto a genio, tranne per una cosa, la sue essenza stessa, ovvero il rendere grazie.
Non voglio scadere nel patetico o nel moralistico, ma al giorno d'oggi il rendere grazie è un bisogno sottovalutato.
Siamo tutti intraprendenti, tutti corriamo qua e là, ognuno artefice del proprio destino, ci impegniamo per realizzare le nostre vite, studiamo, lavoriamo, amiamo persone, le sposiamo, generiamo dei figli, tentiamo di insegnargli qualcosa e poi un giorno moriamo e per tutto questo, non abbiamo mai detto grazie a nessuno.

Io sento, invece, di dover rendere grazie ad un mucchio di gente, sento profondamente che se non fosse per lo sforzo di chi mi ha nutrita, dissetata, educata, sostenuta io non sarei qui, e non sarei qui in questo modo.
Quindi, grazie. 
Vorrei scrivere il nome di ciascuno di voi, ma quest è un blog molto serio che ci tiene a rimanere impersonale, eh eh ;)
L'invito di oggi, quindi, è a guardarci intorno, mettere a fuoco le cose importanti della nostra vita e chiederci a chi sarebbe giusto dire grazie per ciò che abbiamo e per ciò che ci rende quelli che siamo.


Nessun commento:

Posta un commento

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)