venerdì 2 marzo 2012

Mariuccia Mandelli, in arte Krizia

Mariuccia Mandelli,
in arte Krizia
Sul primo volume di Elle di questo mese, leggo una bella intervista a Krizia, stilista da sempre anticonformista e refrattaria alle imposizioni del comune buon gusto.

Krizia inizia giovane, nel '54 apre una sartoria a Milano, solo dieci anni più tardi vince il suo primo premio, il premio Critica della moda.

Parlando di sè stessa e delle donne, dice:
Io sono uno spirito autenticamente libero, e poi ormai le donne sono molto mature, autonome, diventano capi di Stato. [In Italia meno] Perchè è un Paese speciale, stupendo ma con le sue pecche, le sue arretratezze, che però al mio modo di essere non sono mai appartenute: se tu non sei così non percepisci la differenza con gli altri. Fin da giovanissima è uscito il mio bisogno di libertà. Mi è venuto naturale. Mi capita di parlare con le ragazze di oggi e di trovarle titubanti: e se mio padre, mia madre, mio fratello, l'amore...Senza l'autonomia totale per me non sarebbe possibile vivere.
Nel 1985 Krizia apre lo Spazio Krizia, luogo di incontro e confronto, gratuito, in cui si ritrovano artisti di ogni tipo.
Krizia dice di non sentire il bisogno di ispirarsi a qualcuno, perchè, dice, il bello ce l'abbiamo dentro. Ma se proprio deve seguire una lezione, allora segue quella di Coco Chanel: la moda alta ma democratica.

Collezione Krizia p/e 2012
Dei marchi low-cost come Zara o H&M dice:
Ho sempre sognato di realizzare le cose belle che fanno, così poco costose, così centrate, così studiate: loro sono bravissimi a programmare, io meno.


Collezione Krizia p/e 2012


La risposta che ho trovato più interessante, fra tutte, è quella in cui parla della moda:
[Quando disegna una collezione] La immagino sulla gente: da un lato è affascinante l'idea di cambiare i comportamenti degli altri, dall'altro è pazzesco credere di poterli davvero influenzare. Dovremmo indossare una cosa perchè ce lo dice qualcuno? A me non è mai successo, sono intimamente disinteressata ai suggerimenti.


Collezione Krizia p/e 2012


Trovo questa intervista di Luisa Simonetto davvero ispirata e ispirante, immagino che per qualcuno che "da grande" voglia fare lo stilista, un'intervista del genere -un personaggio del genere - non possano essere altro che d'ispirazione.
Personalmente ammiro molto le collezioni Krizia e mi ha fatto molto piacere scoprire cose che non sapevo - come l'esistenza dello Spazio Krizia - e che mi fanno apparire questa stilista come una persona davvero bella ed intrigante, una donna estremamente forte e volitiva, eccentrica e, nel suo piccolo, rivoluzionaria.

Nessun commento:

Posta un commento

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)