venerdì 15 giugno 2012

Parigi fuori dal tempo



A volte mi capita, così d'improvviso, di aver voglia di Parigi.
Non mi capita con gli altri posti che ho visitato, eppure ne ho visti di belli.
Solo Parigi ogni tanto torna, non il ricordo, la sensazione...
Così, dovendo scrivere un post in cui consigliare una meta per le vacanze ho deciso di parlare di Parigi.
Parlare di vacanza riferendomi a Parigi può suonar blasfemo a qualcuno, altrimenti detto, non andate a fare i turisti a Parigi, ve ne prego! Bastano già tutti quelli stipati dentro al Louvre, che sgranocchiano patatine guardando imbambolati la Gioconda. Il triste profilo del turista medio a Parigi è riconoscibile ovunque: i piedi dentro le fontane, le bandane malamente annodate in testa, occhiali da sole anni ottanta ed una inspiegabile predilezione per i ristoranti per turisti, quelli in cui si mangia male e sicuramente roba che un parigino non sfiorerebbe mai neppure con un dito.
Parigi non è solo Louvre e Tour Eiffel, checchè se ne dica, anzi, vi dirò, saltatele pure queste due tappe forzate e andate oltre.
Andate verso i viali, le strade, umide, dall'aria azzurrina che vi portano sin dentro i quartieri - les arrondissements -, verso i locali dai minuscoli tavolini, sistemati gli uni vicinissimi agli altri.

Bevete un bicchiere di vino freddo e respirate tutta l'aria che può entrarvi nei polmoni: in quel luogo, dove voi siete, è passata gran parte della storia dell'uomo, i più grandi pensatori, artisti o poeti avranno calpestato lo stesso vostro suolo, un tempo.
Il Pantheon può mostrarvi alcuni dei volti della Parigi andata: restare fermi davanti la tomba di Emile Zola è come star lì a guardare un fiume lento e placido che fa mostra di tutti i personaggi di cui è popolato - ora appare la sua Gervaise e Nanà resta in disparte un po' imbronciata perchè teme di non esser riconosciuta...

Già nel pomeriggio l'aria inizia a farsi più fresca, la luce azzurrina lascia spazio ad una più gialla, più intensa.
La metropolitana di Parigi è un'attrazione che non potete perdervi: enormi gallerie piastrellate di bianco vi portano avanti e indietro dai quattro angoli della città, sopra il treno potete osservare mille volti diversi, gli studenti, i lavoratori, o altri visitatori come voi, tutti intenti a percorrere le strade del ventre di Parigi.
Sembrerà un cliché, ma Parigi è davvero fuori dal tempo.

Probabilmente non vi aspettavate questo da un post che vi prometteva dei consigli per le vacanze ma non riesco a parlare di Parigi se non in questi termini, scusate.
Un posto che vi consiglio è il cimitero di Montparnasse. Io sono andata a visitare la tomba di Marguerite Duras e l'ho trovato un posto delizioso, pacifico.
Sulle tombe di scrittori e filosofi - Satre, De Bouvoir, Baudelaire - i minuscoli biglietti della metro allineati a significare un passaggio, un pensiero, una fugace corrispondenza d'amorosi sensi..

4 commenti:

  1. leggerti mi ha riportato alla mia Parigi .. si la mia, quella che io ho vissuto che è diversa dai turisti .. la tua Parigi quella che senti e tocchi ... a questo punto direi la nostra Parigi visto che l'abbiamo assaporata nello stesso modo con lo stesso bicchiere di vino freddo ... a mont matre mi siedo sulle scale arriva una donna con l'arpa e suona mentre i tetti sono li a guardarmi io mi commuovo ... Parigi sii eh la nostra Parigi grazie per questo post

    RispondiElimina
  2. A me questo effetto lo fa Londra,che ti permette di ESSERE, te stessa o qualcun altro, una città immensa che però ti avvolge, l'unico posto al mondo per il quale potrei rinunciare alla mia Roma

    RispondiElimina
  3. Non avendola mai visitata non mi risparmierei i "luoghi comuni", ma seguirei anche i tuoi consigli. ciao Paola

    RispondiElimina
  4. chissà perchè parigi piace proprio a tutti :)

    RispondiElimina

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)