venerdì 16 novembre 2012

Cavoli saltati

Oggi ho cucinato per la seconda volta nella mia vita un contorno che è molto più buono di quanto sembra.
In genere i cavoli non hanno una buona fama, vuoi per l'odore poco gradevole* che sprigionano se cotti in alcuni modi, vuoi perchè nella cultura alimentare occidentale ci sono moltissimi "dogmi", moltissime cose che non piacciono solo per sentito dire.
Devo ammettere che i cavoli hanno un sapore particolare che può non piacere a tutti, ma cucinato con i giusti accorgimenti può diventare un ottimo contorno.
Ecco qua ingredienti e procedimento della mia ricetta:
Cavoli saltati

Ingredienti:
un piccolo cavolo cappuccio
2 spicchi d'aglio
olio e.v.o.
mezzo bicchiere di birra (o vino bianco)**
3 mestoli di brodo vegetale
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
1 cucchiaino di paprika dolce
1 cucchiaio di salsa worchester (facoltativo)
sale&pepe q.b.


Allora, iniziate tagliando a striscioline sottilissime il cavolo: vi servirà un bel coltello affilato e un po' di manualità onde evitare di mozzarvi un dito! ;)
Una volta sminuzzato tutto il cavolo (e mi raccomando che sia sottilissimo) versate un po' d'olio sul fondo di una padella capiente e mettete gli spicchi d'aglio a soffriggere.
Appena l'olio inizia a sfrigolare buttate le striscioline di cavolo in padella e rimestate energicamente fin quando tutte le striscioline saranno ben unte.

Dopo aver fatto soffriggere il cavolo per un paio di minuti aumentate al massimo la fiamma e sfumate con la birra o col vino.
Su questo c'è da puntualizzare: ** se sfumate con la birra resterà una leggera nota amara, col vino no. Scegliete ciò che preferite.

Una volta che tutto l'alcol sarà evaporato aggiungete il brodo, il concentrato di pomodoro, la paprika dolce e se avete deciso di usarla la salsa worchester. Lasciate andare per un altro paio di minuti a fiamma alta, poi abbassate a fiamma medio-bassa, aggiustate di sale e di pepe e coprite con un coperchio.

Adesso i cavoli devono stufare.
Se li avete tagliati molto sottili non ci metteranno tanto, circa dieci-quindici minuti.
Una volta che le striscioline saranno morbide e quasi trasparenti togliete il coperchio, aumentate nuovamente la fiamma e lasciate asciugare il sughino che si sarà formato sul fondo della padella.

Servite caldi.

*Ora, non per dire che la mia ricetta è fighissima, ma cucinandoli in questo modo i cavoli non puzzano neppure più di tanto :D

Enjoy!

1 commento:

  1. Buoniiii io ci metto l'aceto e faccio i tipici "crauti" da mangire in panini superfavolosi!!!

    RispondiElimina

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)