venerdì 15 gennaio 2016

(dis)Avventure al Libraccio #VitadAmaranthine

disavventura libraccio repubblica milano
L'immagine di sfondo l'ho presa qui


Buongiorno a tutti mie care e miei cari,
quest'oggi inauguro questa vecchia-nuova rubrica che assolverà essenzialmente due funzioni:

  • riempirà questo povero venerdì in cui di solito (se ce l'ho) piazzo un video #Lunchbox oppure non piazzo proprio nulla e vi lascio nel silenzio sino al lunedì successivo
  • rimpiazzerà la vecchia cara rubrica #Fatevicazzimiei - che proprio rubrica non era visto che pubblicavo i post un po' quando mi pareva e poi non aveva un nome che si addice ad una signora di gran classe quale io sono, tzè!
Quest'oggi vi metterò a parte delle simpatiche disavventure accadutemi durante la mia prima (e ultima) visita al Libraccio di Repubblica, qui a Milano.
Ma prima l'ormai consueta domandona:

Qual è un'esperienza che vi ha non solo delusi ma anche stizziti?Ovvero, quando è stata l'ultima volta in cui avete pensato che tutto sarebbe stato fantastico e invece vi siete ritrovati non solo delusi ma anche incazzati?


Ormai qualche tempo fa ho fatto il mio primo ordine dal sito del Libraccio: ero in estasi ragazzi, vi consiglio di andare a guardare la mia faccia inebetita durante il video unboxing perché è davvero degna di nota.
L'esperienza è stata davvero positiva: ho trovato libri interessanti a prezzi stracciati, le spese di spedizione non ricordo se non le ho pagate affatto (perché ho superato la soglia di x euro) oppure se ho pagato 2,90€ che, con i costi di spedizioni che si vedono in giro, mi pare più che accettabile e in più sono stata tempestivamente avvisata che uno dei libri ordinati non era più disponibile, il libro è stato tolto dall'ordine e ovviamente anche il prezzo è stato sottratto dal totale (hanno fatto tutto loro, io non ho dovuto muovere un muscolo).

Molto soddisfatta dall'esperienza online non vedevo l'ora di visitare fisicamente uno di questi paradisi della perdizione letteraria.

disavventura libraccio repubblica milano
Dialogo fra me e Sonia sull'opportunità o meno di metter
piede in un negozio del Libraccio

Finalmente il momento è arrivato: qualche sabato fa sono entrata al Libraccio di Repubblica, colma delle più rosee aspettative.

Appena entrata ho subito capito che non sarebbe andata esattamente come mi aspettavo: l'80% degli scaffali era pieno di roba di cartoleria (che adoro, per carità, ma non mi sembra il caso) e libri (nuovi) per ragazzi.
Ora, io capisco, caro amico Libraccio, che il grosso dei tuoi guadagni li fai con i libri scolastici e quindi piazzi qua e là roba per adescare il tuo target ma qua e là non in ogni dove all'interno del tuo negozio!

Gironzolando fra i libri per ragazzi, ad un certo punto mi sono avvicinata estasiata ad una copia piuttosto consunta di Wonder di R. J. Palacio e lì ho detto è fatta, è mio, per come è ridotto non costerà più di 5€.
Naa, sbagliato, era "nuovo" ed era anche a prezzo pieno, solo tenuto malissimo.
Dopo questa breve, triste avventura nel reparto ragazzi decido di spostarmi dall'altra parte del negozio dove, da lontano, intravedo scaffali colmi di libri.

Mi sono avvicinata piena di timore a quella zona disordinata e polverosa pensando che l'accesso fosse consentito solo al personale, poi ho visto dei vecchietti farsi avanti temerari e scalpitanti (!) e mi sono fatta coraggio anch'io.
I libri sono ordinati per genere. Ma solo per quello. Cioè: vi trovate davanti un immenso scaffale che arriva sino al tetto e ci sta sopra appiccicato un foglio A4 con su scritto Narrativa. E lì sotto c'è tutta la narrativa che hanno del tutto priva di un ordine di autore, titolo, casa editrice...? Proprio così.

Scorrendo i vari titoli sulle costine (orientate tutte ora in un verso ora in un altro, che odio) ho letto tre volte L'età dell'innocenza: tre tomi sparpagliati su cinque metri di scaffalatura. Benone.

disavventura libraccio repubblica milano
Questa immagine l'ho presa qui

I libri son tenuti malissimo. Sono tutti pressati gli uni contro gli altri e abbastanza impolverati. Pensare di sfilare un tomo e poi rimetterlo a posto con una borsa attaccata al braccio è pura utopia. Devi posare la borsa, tenere i tomi che spingono da tutti i lati e riporre il tuo.
Potrei dilungarmi per ore a raccontarvi quanto io sia stata delusa dallo stato dei libri e degli scaffali ma credo di aver reso l'idea.

Ma andiamo al clou di questa avventura: la cassa.
Arrivo alla cassa con tre miseri libri in mano (io che mi ero ripromessa che no, mai e poi mai avrei speso più di 20€! Sse..) e la simpaticissima e super trafelata cassiera li agguanta e mi fa pagare.
Prima che io potessi dire qualsiasi cosa mi aveva già comunicato il totale al che io: No, scusi, volevo fare la tessera. Risposta accompagnata da vaga aria di sufficienza: perché non ce l'hai?

Ora, io mi dispero. Ve lo dico, mi dispero. Ma posso sentirmi fare queste domande? Ma davvero? No, ne ce l'ho la tessera e infatti te la sto chiedendo, genio!
Tira fuori - sempre in tutta fretta - un foglio da un cassetto e mi chiede di compilarlo. Io compilo tutti i campi ma arrivata alle crocette - quelle postille varie per la privacy - mi fermo un attimo per leggere. Lei mi prende il foglio dalle mani, spunta le caselle al posto mio, mi dice che è tutto a posto e va via nel retro bottega.
E io resto con una faccia inebetita e tre libri in mano del tutto travolta da ciò che era appena successo.

Con i tre libri in mano mi sposto un po' per vedere se la tizia ritorna perché, sai com'è, non voglio aggirarmi per Milano con tre libri sotto il braccio.
Lei riemerge dal retrobottega e io la blocco: Signora scusi, avrebbe un sacchetto?
Eh sì ma sono 10 centesimi!

Ma dannatissima io che me le vado a cercare ma ti ho forse detto Scusi signora avrebbe un sacchetto gratis? 

Pagato il sacchetto mi sono fiondata fuori da quell'orrore travestito da libreria e mi sono ripromessa che mai e poi mai avrei rimesso piede in quella bolgia!
Alcuni di voi sotto il video in cui ho raccontato di questa esperienza mi hanno ridato speranza dicendomi che altri negozi del Libraccio qui a Milano non sono così pessimi quindi proverò ancora ma al momento il Libraccio online vince (e già pondero il prossimo ordine, muahahaha!).

8 commenti:

  1. Mamma mia, e io che pensavo che i negozi fisici di Libraccio fossero il Mondo delle Meraviglie! Fortunatamente (o sfortunatamente, dipende dai punti di vista), io posso ricorrere solo a quello online di cui, a parte qualche scherzetto ogni tanto, non posso lamentarmi affatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è stata una grande delusione ma mi riservo di andare anche negli altri punti vendita qui a Milano perché molte persone mi hanno detto che ce ne sono di migliori

      Elimina
  2. Mai visitato un negozio Libraccio, mentre il loro sito web lo frequento fin troppo. Onestamente però non mi stupisce quanto dici: la logica da "supermercato" fa da padrona in certe librerie, in cui è impossibile orientarsi, gli addetti ai lavori sono più incompetenti che altro, e non c'è nessuna cura. I brividi che ho provato una volta entrando alla Mondadori e chiedendo "Salve, dove trovo i libri di Vargas Llosa?" e avendo come risposta un "Chiiiii?", non sono stati normali.

    P.S. Vargas Llosa era stato da poco a Palermo per ricevere una laurea ad honorem, e questi incompetenti non si erano nemmeno scomodati di uscire i suoi libri dal magazzino. Alla Feltrinelli, che sempre un "supermercato" è ma con notevoli ed evidenti differenze, avevano un realizzato un espositore apposito, cavalcando giustamente l'onda dell'evento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre che dei geni della letteratura e dell'editoria anche dei geni del marketing! ahah :D Quando stavo ancora a Palermo alla Mondadori ci sarò entrata sì e no due volte (trascinata da altri) mentre da Feltrinelli mi trovavo abbastanza bene, i commessi erano sempre preparati (o al massimo prima di aprir bocca consultavano il pc)...addirittura una volta ho rotto le scatole ad una commessa per scoprire se un libro in spagnolo che volevo prendere fosse effettivamente stato scritto in spagnolo o se fosse una traduzione e lei è stata molto molto paziente! :)

      Elimina
  3. Ciaooo, ho appena scoperto il tuo blog e mi sono iscritta.. è davvero carino :) se ti va passa a trovarmi, mi farebbe piacere ;)
    A presto :)

    Il mio blog: http://chocoandbook.blogspot.it/

    Chocolate And Books

    RispondiElimina
  4. Ed io che mi disperavo per non esserci mai stata :O Nel caso in cui dovessi avere questa opportunità cercherò di ridimensionare le mie aspettative e non immaginarlo come il paradiso terrestre >.<

    RispondiElimina
  5. Ciao! Molto carino il tuo blog!
    Io al Libraccio ho avuto pessime esperienze in quanto a ore di coda per comprare i libri di testo alle superiori, poi di nuovo una brutta esperienza quando ho tentato di lavorare per loro (incubo). Adesso però mi hai fatto venire voglia di andare sul loro sito e ammazzarmi di ordini!
    P.s. Questo è il mio blog: http://bookalibre.blogspot.it/. Se ti va facci un salto!
    Gaia

    RispondiElimina

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)