giovedì 21 gennaio 2016

La luna è tramontata - John Steinbeck #BookTalk




Buongiorno mie care e miei cari,
primo post della settimana e grande entusiasmo per questo La luna è tramontata di John Steinbeck.

Non so se avete avuto modo di leggere il mio post dei buoni propositi o di vedere il video. Le conclusioni che ho tratto dal 2015 e che poi mi hanno portato a stilare quei buoni propositi derivano da letture come questa: spinta dal pregiudizio ho evitato per anni Steinbeck, credendo fosse un autore, come dire? Arido, angosciante, come una camminata nel deserto.
Ma l'Open your mind mi ha spinto a provare e così ho conosciuto uno dei miei libri preferiti di sempre.

Quale libro è stato per voi una grande e piacevole sorpresa?
C'è stato, nella vostra carriera di lettori, un libro che avete evitato perché pensavate non vi sarebbe piaciuto e poi, invece, una volta letto, vi ha entusiasmato?



la luna è tramontata steinbeck recensione


John Steinbeck
LA LUNA E' TRAMONTATA
(1942)


ed. Classici Mondadori
121 pagine - 8,40€
5/5 su Goodreads


TRAMA

La luna è tramontata è la storia di un'occupazione e di una resistenza.
Un giorno arriva in una sperduta cittadina norvegese un gruppo di tedeschi che, molto pacificamente, chiede di conferire con il primo cittadino, il sindaco Orden.
Una volta ricevuti informano il sindaco che stanno occupando la cittadina, che stabiliranno il loro quartier generale proprio lì, all'interno della casa che il sindaco Orden abita con la moglie e che hanno bisogno delle miniere di cui vive la cittadina.
In un primo momento il sindaco Orden e i cittadini tutti sono sbalorditi: non capita da secoli che qualcuno occupi la cittadina e loro non sanno davvero come reagire.
La resistenza arriverà più avanti, strisciando, silenziosa, e contribuirà a scrivere il finale di una storia che vi lascerà a bocca aperta, mai scontata e piena di riflessioni entusiasmanti.

Questa foto l'ho presa qui


PERSONAGGI

I due personaggi emblematici del romanzo sono il sindaco Orden e il colonnello Lanser: l'uno è rappresentante degli occupati, l'altro degli occupanti.

Il sindaco Orden: da un lato abbiamo un uomo che gestisce con profondo senso della democrazia quanto gli accade e quando gli si dice lei è il capo di questa cittadina lui ribatte dicendo che ne è solo il rappresentante e in quanto tale non può prendere decisioni arbitrarie ma deve consultare i suoi concittadini. Apparentemente un bonaccione, nel corso del romanzo assumerà tutta la responsabilità che si addice al suo ruolo sino a diventare un personaggio di quelli indimenticabili, di quelli a cui si ripensa con affetto.

Il colonnello Lanser: dall'altro abbiamo il colonnello, un uomo autoritario che impartisce ordini e che a sua volta ne riceve. In sé è un personaggio che denota saggezza, intelligenza: il colonnello Lanser esegue con tragicità degli ordini che riconosce chiaramente come ottusi, come privi di utilità. Non crede in ciò che fa ma lo fa comunque.

CONCLUSIONI

In conclusione cosa dire più che 5 stelline su Goodreads?
Un libro bello, pieno di spunti intelligenti e carico di una grande e sottilissima ironia che non è mai cosa da poco.



Nessun commento:

Posta un commento

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)