mercoledì 1 giugno 2016

Capitoli vecchi, capitoli nuovi



Questo blog ormai da tempo non è più un blog personale ma come sapete ogni tanto mi piace tornare a parlarvi di me e di cosa mi capita.

Nelle ultime settimane sono stata quasi del tutto assente dal blog, dal canale e da (quasi) tutti i social e lo sono stata perché le ultime settimane sono state incasinate, travagliate e stressanti e nei pochi momenti liberi che ho avuto ho proprio sentito il bisogno di non fare assolutamente nulla.

Ecco spiegata l'assenza ma l'alone di mistero rimane, cosa avrà fatto questa dannata Amaranthine nelle ultime due settimane?

Ebbene, ho cambiato lavoro, primo.
Poi, sto lavorando ad un progetto più ampio, decisamente meno concreto che potrei sintetizzare in una parola come carriera.
Sto concludendo il corso di specializzazione in Web design allo IED, la prova finale per conseguire il titolo è la costruzione di un sito web ed io ho deciso di costruirmi un portfolio online dei miei lavori.
Al momento il sito è solo questo -> www.elenaspadafora.it, il sito vero e proprio lo sto costruendo e sarà online a luglio.
Ho anche aperto una pagina Facebook "professionale" da web designer (se vi interessa la trovate qui: Elena Spadafora - web designer ) e sto cercando in tutti i modi di diventare brava, più brava, di coltivare tutte le mie conoscenze in merito al web design perché sento che questo è il mio lavoro.

C'è una puntata di Grey's Anatomy (che come sapete è il mio telefilm del cuore, che vergogna!) in cui, se non ricordo male Callie chiede ad uno specializzando se quello è il mestiere che gli fa "cantare il cuore!".
Sarà forse la frase più patetica del mondo ma il web design mi fa decisamente cantare il cuore..



Per quanto riguarda il primo punto, al momento preferisco rimanere sul vago.
Mi professo illuminista e illuminata ma in realtà sono molto scaramantica!

Posso dirvi che oggi si è conclusa la mia prima esperienza lavorativa e che lunedì si aprirà un nuovo capitolo.
L'esperienza conclusasi oggi è durata poco più di un anno e sono - nonostante tutto - davvero contenta di averla fatta. Nonostante tutto perché non è stata ciò che potrebbe comunemente definirsi come una bella esperienza: ci sono state difficoltà ogni giorno e sin dal primo giorno e non sono stata aiutata pressappoco da nessuno però ce l'ho fatta e questo piccolissimo particolare la rende una delle esperienze più belle della mia vita.
Professionalmente parlando sono cresciuta tantissimo, sono diventata più brava, ho imparato, soprattutto, come si fa a diventare più bravi senza che nessuno ci insegni.

Quest'ultimo anno mi rende molto orgogliosa di me stessa e questo mi fa sentire bene.
Adesso mi preparo per il nuovo capitolo che mi entusiasma e insieme mi terrorizza, ci saranno nuove difficoltà e anche cose belle e cose elettrizzanti e cose noiose e io mi auguro di potermi sentire ancora così fra un anno: motivata, stanca e piena di energia insieme.

Questo mestiere, il web design, è una meta che ho raggiunto percorrendo un sentiero un po' tortuoso, nulla di lineare, per tanto tempo mi sono considerata una mezza web designer, una che sì ha imparato facendo però, però, però...
Da qualche tempo ho provato a mettere da parte tutti i però e credo stia funzionando.
Ho rincorso questo mestiere per tanto tempo e adesso credo proprio di averlo acciuffato!


Non voglio ammorbarvi con frasi istericamente entusiaste del tipo insisti e vincerai perché la storia di ognuno di noi è diversa dalle altre, ci sarà chi vincerà e chi fallirà pur avendo seguito lo stesso percorso.

Ciò che posso dire, e non è affatto una formula magica, è che resistere è bello ed importante e può davvero renderci fieri di noi stessi.
Si resiste, si va avanti, si impara e poi forse alla fine si raggiunge anche la meta.

Nessun commento:

Posta un commento

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)