venerdì 27 gennaio 2017

5 cose che... 5 libri per non dimenticare

libri per non dimenticare giorno memoria olocausto ebrei


Buongiorno a tutti, anche oggi presente con l'immancabile appuntamento con #5coseche che non sarà tuttavia il giochino simpatico di ogni settimana.

Ricorre infatti oggi, 27 gennaio, il Giorno della Memoria ossia il giorno dedicato a ricordare l'orrore che è stato l'Olocausto, la persecuzione delle persone di religione e cultura ebraica perpetrata da Italia e Germania a partire dal 1933, anno di entrata in vigore delle leggi razziali (in Germania, da noi arrivarono solo 5 anni più tardi...).

Con Twins Books Lovers e le altre ragazze del gruppo #5coseche abbiamo deciso di dedicare il post di oggi a 5 libri che aiutino a non dimenticare..


Quali sono i  5 libri sull'Olocausto che più vi hanno insegnato e commossoSe volete partecipare a questo "tag" iscrivetevi al "tag originale" di Twin Books Lovers e linkatemi i vostri post/video/foto!


- QUANDO HITLER RUBO' IL CONIGLIO ROSA-
Judith Kerr




Il primo titolo è legato indissolubilmente alla mia infanzia.
Quando Hitler rubò il coniglio rosa di Judith Kerr è un libro per ragazzi e parla di una famiglia di ebrei costretta a scappare per sfuggire alla persecuzione.
Il titolo si riferisce ad una scena del libro in cui Anna, la piccola protagonista del libro, costretta a scappare con la sua famiglia, dimentica il suo coniglietto rosa che è così perso per sempre: la perdita del coniglio diventa un nodo simbolico del libro, un momento dopo il quale nulla sarà più come prima.

- SE QUESTO E' UN UOMO -
Primo Levi




Considerate se questo è un uomo

Che lavora nel fango

Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no

Vi sembrerà strano ma anche Se questo è un uomo di Primo Levi è un libro legato alla mia prima giovinezza: fu infatti la lettura che la prof di lettere decise di farci fare in terza media, è un libro che ho letto, pomeriggio dopo pomeriggio, con tutta la mia classe.
La scelta della prof è stata sicuramente un azzardo, ricordo ancora i gridolini di disgusto o stupore davanti a certe scene che Levi descrive con crudo realismo, però sono davvero contenta di aver letto quel libro con i miei compagni e alla "tenera età" di 13 anni.


- OGNI COSA E' ILLUMINATA-
Jonathan Safran Foer



Ogni cosa è illuminata di Jonathan Safran Foer è un punto di vista sicuramente originale sulla questione dell'Olocausto: il romanzo è ambientato ai giorni nostri e parla dell'autore (la vicenda è autobiografica) e del viaggio che nel 1999 dagli Stati Uniti lo portò in Ucraina, suo paese d'origine. Quel viaggio gli serviva per fare chiarezza, per capire un po' della propria storia e di quella della propria famiglia. Bellissimo romanzo ma anche bellissimo film :)

- L'AMICO RITROVATO -
Fred Uhlman



L'amico ritrovato di Fred Uhlman è un libro piccolo piccolo, si legge in pochissimo tempo ma ha dentro una carica di pathos e di dolore incommensurabili.
Il libro parla dell'amicizia fra Hans, ebreo e Konradin. I due ragazzi sono compagni di classe e stringono una forte amicizia, contrastata però dalla famiglia di Konradin che odia gli ebrei.
Con l'avvento delle leggi razziali Hans deciderà di lasciare la Germania per trasferirsi in America e così perderà di vista l'amico Konradin. Solo molti anni più tardi lo ritroverà e sarà molto orgoglioso di lui.
Infine vi segnalo una cosa che ho scoperto solo di recente: questo libro fa parte della Trilogia del ritorno con Un'anima non vile e Niente resurrezioni, per favore.


- CRONACHE DI POVERI AMANTI -
Vasco Pratolini



Ho voluto inserire Cronache di poveri amanti di Vasco Pratolini anche se non parla dell'Olocausto perché ci dà una descrizione realista e molto specifica di quello che è stato il fascismo in Italia: purtroppo ancora oggi esistono moltissimi negazionisti che sostengono che la persecuzione del popolo ebraico sia stata fatta solo dai nazisti. Ecco, non è vero, c'eravamo anche noi italiani.
Cronache di poveri amanti è un romanzo ambientato a Firenze negli anni del regime fascista e ci racconta degli abitanti di via del Corno, via di una zona popolare di Firenze.

Conoscete questi libri? Ve ne vengono in mente altri?
Fatemi sapere :)



11 commenti:

  1. Io ho letto Levi i primi anni delle superiori, una lettura che ha lasciato il segno. Mi piacerebbe leggere L'amico ritrovato

    RispondiElimina
  2. Ciao :) ne condividiamo uno . L'amico ritrovato letto
    Tanti anni fa , un bellissimo libro 👍

    RispondiElimina
  3. Il libro di Primo Levi mi ha lasciato il segno...
    Ho appena scoperto il tuo bellissimo blog e mi sono immediatamente unita ai tuoi lettori fissi!
    Ti aspetto da me se ti va!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. Abbiamo in comune l'amico ritrovato. E ora vorrei leggere Foer

    RispondiElimina
  5. Anche io ho inserito "L'amico ritrovato" e mi sto accorgendo che lo abbiamo letto in molte. Comunque mi piacciono molto le tue scelte soprattutto mi incuriosisce "Ogni cosa è illuminata", chissà magari lo leggerò :)

    RispondiElimina
  6. "Quando Hitler rubò il coniglio rosa" l'ho inserito tra i cinque libri da leggere! Invece "L'amico ritrovato" l'ho letto, ma non l'ho messo nel post! Bellissimo!

    Se ti va, ti lascio il mio post!
    http://andibelieveinabookagain.blogspot.it/2017/01/5-cose-che-9.html

    RispondiElimina
  7. Che bel post! :D
    Non ho letto Cronache di poveri amanti, ma provvederò presto!
    Silvia di controletture

    RispondiElimina
  8. Se questo un uomo... se lo rileggo ho ancora i brividi.

    passa se ti va <3 http://angelsbook-reader.blogspot.it/2017/01/5-cose-che-5-libri-per-non-dimenticare.html

    RispondiElimina
  9. Ciao Amaranth! Ti sei ricordata de "L'amico ritrovato"! Uno dei libri che ho sempre desiderato leggere, specialmente durante l'infanzia/adolescenza. L'avevo rimosso, ma ora lo aggiungo subito nella mia wishlist, così non lo dimentico più!

    RispondiElimina
  10. L'amico ritrovato è stata una lettura molto emozionante per me e sapere che è solo uno di una raccolta di tre romanzi mi fa molto piacere..li cerco subito e spero di poterli leggere presto :)

    RispondiElimina
  11. Ciao Elena! Purtroppo e dico veramente purtroppo, non ne ho letto nessuno! Devo rimediare! Noto con molta curiosità che sei l'unica ad aver inserito "Ogni cosa è illuminata". Foer è un autore che mi piacerebbe affrontare, magari inizio proprio da questo!

    RispondiElimina

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)