martedì 28 febbraio 2017

L'uomo montagna - la vita è un viaggio e una montagna da scalare

Recensione L'uomo montagna Tunué Un bambino che affronta il suo primo viaggio da solo per aiutare il nonno ad affrontare il suo ultimo viaggio. L'incontro di alcuni amici che aiuteranno il bambino nel suo viaggio e infine lui, il Vento più Forte, che prenderà il bambino sulla sua groppa e lo riporterà a casa. Una bella favola sull'amicizia, sull'esperienza e sull'appartenenza
l'uomo montagna gauthier flechais tunue

L'uomo montagna è un libriccino piccolo piccolo che si legge in poco tempo ma contiene dentro spunti di riflessione molto profondi, soprattutto per lettori molti giovani.
Si tratta di una graphic novel da poco edita da Tunué, il tratto è molto leggero e i disegni onirici, la palette di colori dà sui toni del beige, del pesca e dell'arancione così che il mood espresso ne L'uomo montagna risulta molto delicato e infantile.

Qui potete trovare il video in cui parlo de L'uomo montagna:



Un bambino che affronta il suo primo viaggio da solo per aiutare il nonno ad affrontare il suo ultimo viaggio. L'incontro di alcuni amici che aiuteranno il bambino nel suo viaggio e infine lui, il Vento più Forte, che prenderà il bambino sulla sua groppa e lo riporterà a casa. Una bella favola sull'amicizia, sull'esperienza e sull'appartenenza 



L'UOMO MONTAGNA (2017)
Séverine Gauthier - Amélie Fléchais
ed. Tunué

traduzione di S. A. Cresti
41 pag. - 12,67 € 
4/5 su Goodreads


L'esperienza che si accumula sulle nostre spalle


All'inizio della storia, il nonno del protagonista, gravato dalle montagne che gli sono cresciute sulle spalle, non riesce ad intraprendere il suo ultimo viaggio. Così il bambino, protagonista della storia, decide di intraprendere lui un viaggio - il suo primo viaggio da solo - per andare alla ricerca di qualcuno che possa aiutare il nonno ad intraprendere questo suo ultimo cammino: solo il Vento più forte potrà dargli la giusta spinta per muoverlo verso la direzione in cui deve muoversi.

Uno dei temi toccati dall'autrice è quello dell'esperienza.
L'esperienza è rappresentata come qualcosa di materiale  - come una montagna - che si accumula fisicamente sulle spalle e sulla testa dei personaggi.
In quest'ottica la montagna assume due significati importanti: se da un lato la montagna è il bagaglio di esperienza che accumuliamo nel corso della nostra vita e che ci portiamo dietro, dall'altro la montagna è la vita stessa che è una scalata, un viaggio, un'avventura.

Anche il viaggio assume una valenza simbolica importante: mentre il nonno vorrebbe intraprendere il suo ultimo viaggio ma non ne ha le forze, il bambino è costretto ad intraprendere il suo primo viaggio in solitaria - il suo primo viaggio da adulto - per andare a cercare l'aiuto necessario al nonno.

Durante questo viaggio, il bambino incontrerà dei personaggi che lo aiuteranno a crescere, ad accumulare esperienza e a continuare il suo viaggio. Uno fra questi è l'albero, personaggio che introduce un'altra idea portante de L'uomo montagna ossia quella di appartenenza.


Questa e altre foto potete trovarle sul mio profilo Instagram

Anche gli stambecchi hanno le radici

Quando il bambino si congeda dall'albero sotto il quale ha trascorso la notte, l'albero lo invita a tornare a trovarlo e gli dice che lui non si muoverà, starà lì ad aspettarlo, perché è un albero, gli alberi non si muovono perché hanno le radici.

Il concetto di radice incuriosisce molto il bambino che continua a interrogarsi e interroga anche altri personaggi che incontra sul concetto di avere le radici.
Così viene fuori che anche gli stambecchi hanno le radici e che, in fin dei conti, non è necessario essere un albero ed essere immobile per avere delle radici: anche chi si muove e viaggia ha delle radici e quelle radici coincidono col suo senso di appartenenza ovvero i luoghi e le persone a cui sente di appartenere.

Così il piccolo protagonista de L'uomo montagna, alla fine del suo viaggio, dopo aver trovato l'aiuto necessario al nonno, tornerà al punto di partenza del suo viaggio, perché lì lui appartiene. 

___________


DISCLAIM:
Questo libro mi è stato inviato gratuitamente da Tunué.

All'interno del titolo del libro (quello che trovate sotto la copertina del libro) ho inserito un link che vi porta direttamente su  Amazon. Poiché sono un'affiliata se deciderete di acquistare un libro attraverso uno dei miei link contribuirete al sostentamento di AmaranthineMess - bookblog. Vi ringrazio sin da ora se vorrete farlo :)

2 commenti:

  1. Ho adorato alla follia questa graphic novel <3

    RispondiElimina
  2. I temi del viaggio e delle radici sono importanti per ognuno di noi, il fatto che vengano narrati in un libro per bambini mi rende felice. Vorrei tanto leggere questo libro, mi sa che ci faccio un pensierino :)

    RispondiElimina

Caro Anonimo, se vuoi insultarmi devi almeno metterci la faccia. Se non lo farai il tuo commento non verrà pubblicato perché allora non sarai una persona che vuole muovere una critica ma solo uno che vuole litigare. E io ho cose ben più serie da fare, nella vita, che litigare con uno che non ha neppure il coraggio delle proprie parole :)